34. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 29 dicembre 1500

Inlustrisima madona, [1] ò auto el liuto d'ebano con una vostra e per quela ò visto como io debia asotiare el manicho de dito liuto, unde che io farò la diligencia de asotiarelo, per ben che io el meto a pricolo de sfondrare dito manicho per esere buso. [2] De fare uno manicho de novo saria inposibile perché bisognarebe aprire dito liuto e sarebe pricoloso de guastarelo, tuta volta io farò ogne diligencia per sastifare a la s. vostra, perché tuta la vita mia non pertende in altero che in fare cosa che sia grata a quela per esere io fidelisimo servitore di quela. E così levarò ancora quelo difeto de quelo sbatere su el manicho e incordaròlo de novo perché le corde che à suso sono falcisime e farò che sarà melio asai de quelo era. [3] Apreso, al presente s'atrova a venecia uno todescho el quale à portato un pocho de corde de liuto bonisime e forte e d'ogne sorte e sono corde de monacho che sono le melio che se faceno e dàne 6 dozenne al ducato. Se quela ne vole fina a 3 overo 4 ducati, ve le mandarò perché ala gornata non se ne trova. [4] Dise a Francischino de li zebelinj: luj me dise che li aveva dati a fare concare e se non l'avè fato luj, li averia fati concare io. [5] Acadendo ala gornata qualque bela cosa, farò la diligencia sì como quela me ordina. Non altero per questa, de contunevo me recomando ala inlustrisima s. vostra. Vale. Adì 29 decenbre 1500.
lorenco da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma madamma
Elisablla Marchesana
de Mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1439, c. 57.
Cart., 1 f.