3. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 29 agosto 1496

Inlustrisima madona, [1] ˛ auto una vostra de dý XViij de questo e per quela visto el desiderio grandisimo el quale Ó quela de avere el suo instromento, ma siate certa che se quela Ó desiderio grande io l'˛ molto mazore perchÚ tuta la vita mia non pertende in altero che in fare cosa che sia grata a quela. [2] El instromento si Ŕ a bonisimo porto e sarÓ in tuta ecelencia cosý de la beleca como de la bontade. E quando io mancase de inteligencia, solo el desiderio el quale io ˛ de farelo, causarÓ che farÓ questi doi efeti e sarÓ dilicatisimo da sonare con li tasti uno pocho p¨ streti de li alteri, acomodate ala vostre dilicatisime mane. [3] E spero che per tuto setenbre sarÓ finito. E quela non se maraveia se io mancho de presteca: in vero chi vole usare diligencia li bisogna tenpo, tanto p¨ io che sono solo a lavorare, nÚ volio che persona del mondo m'aiuta per fare le cose che staieno melio fate; nÚ non sono per tocare nesuna altera cosa fina tanto non abia finito el dito instromento. Non altero per questa, pregando quela si degna de avereme in el nemero de li soi fidelisimi servitori. In venecia, adý 29 agosto 1496.
vostro lorenco da pavia.
||

Ill.ma D.ne D.ne Isabela
Marchionisse Mantue D.ne
senpre observandissime.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1436, c. 351.
Cart., 1 f. con cartiglio di chiusura; l'indirizzo Ŕ per metÓ scritto sul cartiglio.