29. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 13 marzo 1500

Adì 13 de marco 1500.
Inlustrisima Madona, [1] per el portatore di questa ve mando uno liuto grande ala spagnola, naturale dela vose, che credo certo che quela non abia maie sentito el meliore e, invero, a me me pare no ne avere maie sentito el melio. O mandato questo prima perché è pura asai che l'aveva principiato e così, a pocho a pocho, l'ò finito con la quartana, la quale non m'abandona e sono stato in mane de uno medicho el quale n'à guarito alcunj e a me me l'à fata venire mazore, con una debilitade estrema per tal modo che me trovo molto di mala volia e tanto pù non podendo così presto dare espedicione a quelo liuto biancho e negro di quela. [2] Podendeme refare non atendarò ad altero che a darili espedicione e faròro naturale ala spagnola sì de forma como de voce. [3] E l'è a venecia lionardo vinci el quale m'à mostrato uno retrato de la signoria vostra che è molto naturale a quela. Sta tanto bene fato, non è posibile melio. Non altero per questa, de contunevo a quela me recomando.
vostro servo lorenco da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma Madamma
Elisabella marchesana
de Mantoa Madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1439, c. 55.
Cart., 1 f.