26. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 27 gennaio 1500

Inlustrisima madona, [1] per el palacio ve mando el liuto d'ebano conco al modo che quela Ó comiso e, fato ogne diligencia como Ŕ el debito mio, ˛lo aperto e levato el manicho e asotiato al bisogno e fato la bussela de novo dove sta li piroli e levato el frizere su li tasti e credo che de voce piacerÓ ancora melio che non era per avante e incordato tuto de novo, per avante non aveva nesuna corda bona. [2] Cosý mando in una scatola le corde de liuto dozene 23 a rasone de 6 dozenne al ducato; ma n'˛ tolto una dozenna per incordare dito liuto. [3] E quando diti liuti sono male a ordine de corde, la s. vostra me li manda che senpre li metar˛ in ordine bene. E el magore contento che io abia al mondo si Ŕ che quela me adoperi. De contunevo me recomando ala inlustrisima signoria vostra. Adý 27 de zenare 1500.
lorenco da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma Madama
Elisabella Marchesana
de Mantoa madona
Colendiss.a.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1439, c. 52.
Cart., 1 f.