178. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), giugno 1514

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per el speciale delo Ill.mo signore ò auto ducati X de li quali li godarò per amore de quela e resto tropo ben sastifato como fidelisimo servitore. [2] Apreso, per dito speciale mando lo clavicordio bene in ordine coè incordado de novo e concado la tastadura de dentro e aiustada: pariva esere sta' in mane de cani, molto male condicionado e inpenado tuto e tuti i pani dentro e de fora e molte altre cose che non so scrivere, e netado el fondo ala melio che s'à podesto per non guastare el fondo perché quele mage penetra. La s.ria vostra sa che una cosa vega non se pò reduvere govane ma molto ben a ordine quanto per el sonare, che quelo si è el tuto. [3] Una volta, l'instromento si è ecelente de voce, ma ben me doio che, quando el sarà a mantova, sarà tuto descordado e male a ordine o per el caldo o per mal guerno. Ancora che el sia ben reguardado, però quela sa che cosa è barcaroli, ma me conforto che ala tornata mia da roma verò a fare reverencia a quela e se altro li mancarà lo restararò e lì starò per qualque mese. [4] Fina a dese gorni partirome per andare a Roma e a fare prima reverencia ala Ill.ma duchesa d'orbin. Così m'alegro asai con la s.ria vostra del fiolo e dela saluto sua e se li porto parege bele cosete e parte per sua comesione e tuti de deli andamenti dela Ill.ma s.ria vostra. Non altro per questa, de contunevo me recomando a quela como otimo servitore. Vale, adì […] zugno 1514.
vostro laurencio papiensis in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra marchisana
de Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1894, c. 198.
Cart., 1 f.