172. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 29 ottobre 1513

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per el portatore di questa, che Ŕ 'l M. messer angelo da santo angelo, mando uno calemo, mezo de dente de pese e mezo d'ebano, molto belo, p¨ del solito: n'aveva fato uno altro ma s'Ŕ roto in el forare. [2] Apreso io non ˛ maie concado l'instromento per esere sta' molto ocupado per el mancare de uno mio fratelo e m'Ó lasado molti fastidii talmente che non ˛ podesto atendere a lavorare. E, per l'altra, sono sta' amalado qualque do' mesi. Spero de breve a concarelo con ogne diligencia e venire a fare reverencia ala s. vostra como fidelisimo servitore.
[3] Io ˛ fato la diligencia per trovare uno peco d'anbracan bono de once 4 ma, al presente, non trovo cosa bona. Uno amicho mio n'aveva certi peci boni ma li Ó portadi ala fera de ricanati e lý li Ó venduti, per˛ non sono per mancare de diligencia e, trovando cosa bona, subito lo mandar˛. Se vende l'onca, uno ducati do' e mezo. Adý 29 otobre 1513.
laurencio papiensis in venecia.
||

[…] ‹Alla ›mia Ill.ma et ex.ma si.ra mia
[…] ‹la sig.›ra
marchisana de Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1447.
Cart., 1 f.

Intestazione nel minutario: "Laurentio de Papia".