168. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 9 marzo 1512

Ill.ma et ex.ma madona, [1] remando el calemo de dente de pese el quale li ò fato quanto sia posibile per fare che el gita bene, ma non c'è ordine che el gita così bene como fo l'altro perché questa medòla non è così dura e è molto frangibile e non se pote sfendere la ponta e la causa è che non va per venna. Estrema diligencia li ò usado, ma nula vale. [2] Apreso, con dito calemo mando la forfeta lavorada d'oro ala damaschina, la quale costa marceli Xiiij. Voleva pure ducati 2, chi li avese volesti dare. La lima ancora non l'à finita e, finita che sia, subito la mandarò.
[3] Apreso, cercha ala testa de marmoro, veramente è da lasarela e l'è asa' bona testa però la non è de quele cose ecelente e non à niente de busto, dicho quasi niente de gola; per l'altra vedesemo dita testa in casa de zanbelin e nicolò belin e iudicho che la testa sia sova. La fo de uno suo fratelo che morì, ancora che dicano che l'è d'una dona e che non la vole mandare. [4] Siché credo che nicolò belin abia scrito per fare el fato suo e che sia cosa sua. Siché quando acaderà qualque bela cosa rara e degna de esere apreso dela Ill.ma s. vostra, farò l'oficio del fidelisimo servitore. [5] De l'ebano io non trovo cosa bona. E ben c'è uno che n'à certi peci, zà pù anj fa, ma non curano de dareli via per esere d'una certa eredità insemo con altre cose. Non altro per questa, al contunevo me recomanda a quela. Vale, adì 9 marzo MDXij.
laurencio papiensis
in venecia.

El desegno di goti non l'ò auto: auto che l'abia, faròli fare como el desegno.


||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1446, c. 34.
Cart.