161. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 29 novembre 1511

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per el portatore di questa ve mando li schachi, belisimj, ben fati, in una scatola molto bela fata, fata per mano del mastro che fato i scachi: costa marceli Xiiij. [2] E p, mando do' beli calemj: uno del dente de pese e uno de queli pontaroli pura del dito dente. L' cosa teribile da lavorare e frangibile, ma grande beleca, asa' p che l'avolio. [3] E se mando ancora uno manicho de uno tenperarino del dito dente, fato ogne cosa de mia mano, dal fero in fora, che fato fare ala foza damaschina dorado e molto ben laurado: costa marceli Viij senca el manicho.
[4] E de ebano che sia belo, al presente non ne trovo cosa bona salvo questo do' peco per fare i schachi e l' de quelo duro. Uno peceto se poter dare a queli che fano la caseta per le medaie, e costi diti 2 peci marceli Xiij, pesano quasi lire 7. Apreso, mando ancora uno peco de buso belisimo e dificile a trovarelo de questa sorte, costa marceli cinque. In tuto speso marceli quaranta.
[5] Apreso c' uno che uno belisimo peco d'anbracan bono sopra tuto, pesa once 5 a ducati 3 l'onca.
[6] E p, uno che uno criste d'avolio, bela cosa, longo uno dido, qualque cosa manco, non vole mancho de ducati 4 ma l' ben fato. Fo de mano de uno todescho. [7] E per uno altro mandare uno peceto de sandelo per le cornise dela caseta dele medaie, fadicha a trovarelo belo de colore e che sia neto. Non altro per questo, de contunevo me recomando ala Ill.ma s. vostra per fidelisimo servitore. Vale, ad 29 novenbre 1511.
vostro laurencio papiensis
in venecia.
||

da poi tolto uno peco de
sandelo belisimo che pesava
lire oto, mo l' squadr
un pocho de groso. Costa
marceli vinte. In tuto
speso marceli sesanta,
senca le cose che fate io
e tute 'ste cose mando
per el priore dela certosa
de mantova.


||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1455. cc. 19-20.
Cart., 1 foglio e 1 cartiglio; il cartiglio num. 20 applicato alla c. 19 e contiene il poscritto.