159. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 29 maggio 1511

Ill.ma et ex.ma madona, [1] con questa mando uno paternostro d'ebano fato ala foza de la mostra, ma c'è gran deferencia: costà non ce sta praticha, non me vale a dareli bene ad intendere, non sano fare. E vole uno marcelo de l'uno de fatura senca l'ebano e el tornireli, costarebano pù de Xij marcheti l'uno. A me, me pare dgitare li danari, dicho senca i signali dele teste de morto che vole marceli 4 de l'una.
[2] Siché, Ill.ma madona, ò pensato che a milan c'è uno govane che sta con quelo tornidore che lavora così bene, cleofas, e coluj lavora d'intaio de 'ste cosete picole, melio che omo che abia visto, in avolio e in ebano e in oso. È molto diligente, credo sia francese. Coluj li fa per ecelencia e, se a quela li pare, li farò fare al torno per avere conpra' l'ebano e poi se ie poterano mandare a intaiare. Ma, veramente, coluj li farà bene e le teste: l'à nome claudio.
[3] Apreso io non ò maie poduto trovare l'ebano, per fare quelo pede, che sia belo e de l'avolio per la bala m'è sta' promiso ma l'è in le man d'un poltron che vole marceli 9 dela lira, ch'è grande vergogna: non c'è nesuno che n'abia ceto che costuj. Se pagaria do' volte. [4] Me scrive da milan quelo cleofas tornidore averene conpra' a genova paregi bei denti e a bon mercado: se ie poterà mandare la mesura e ben servito e bon mercado per esere grande servitore dela Ill.ma s. vostra. Non altro per questa, de contunevo me recomando a quela per fidelisimo servitore. Vale, adì 29 de mazo 1511.
vostro laurencio da pavia in
venecia.

faco fare una testa de morto d'ebano: finita che la sia, la mandarò. Volio vedere come reiuse bene.


||

Alla Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra marchi
sana de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1455. c. 17.
Cart., 1 f.

Intestazione nel minutario: "Laurentio Papiensi".