158. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 31 marzo 1511

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per el portatore di questa, ch'è mio fratelo, mando uno picolo presente a quela, ch'è una corona de paternostri fati de nose moschade ch'è sta' grande dificultà a farele, sì per trovare le nose salde, credo averene taiado pù de cinquecento, e, per bele che le siano, dentro sono piene de mancamenti e le tenere non sono bone; poi, al tornirele, se ronpano dele dese le sei. Inperò questo a mj non è nula pura che sapia de fare cosa grata ala mia Ill.ma madona la quale adoro. [2] Apreso, io cercho al contunevo l'ebano per fare quelo pede, ma non trovo cosa bona e, trovandelo, lo farò tornire bene. [3] De l'avolio m'è sta' promiso de daremelo uno che à uno dente intrego e, como lo taia, me darà el peco per fare la bala e subito lo mandarò. Ebe li danari de l'altro peco che mandai.
[4] Apreso, mio fatelo porta uno vaso grande damaschino con belisima forma molto bela e ben intaiado e con certe letre grande ala morescha, le pù bele che abia maie visto, e se erano piene d'oro e d'arezento, como ancora se vede. V'el mando a mostrare e se a la Ill.ma s. vostra ie piacerà, quela ne dispona. Costa ducati 6 ch'è tropo bono mercado: non fo fato con cinquanta, è de queli lavori antegi, ché adeso non lavorano così bene.
[5] E ancora n'ò uno altro vaso menore con el covergo, se quela lo vorà, lo mandarò, lavorado a quela foza ma lavore moderno, pura de mano del meliore mastro che sia a damascho. Non altro per questa, de contunevo me recomando a quela como fidelisimo servitore, adì ultimo marzo dal crudele teramoto 1511.
vostro laurentio da pavia in
venecia.

Mio fratelo porta una peca de ormesin negro alto uno bon braco, molto bela cosa, damaschino, so ch'el piacerà asai ala s. vostra, e parége altre pece colorade pur damaschine ma non a quela alteca.


||

Ala Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1455. c. 18.
Cart., 1 f.