149. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 7 gennaio 1510

Ill.ma et ex.ma madona, [1] con questa mando uno paternostro de legno alove, fato segondo la mostra che ebe e perchÚ me pare che non abia niente de gracia, per˛ Ŕ fato per man del melio mastro che sia, ma el dito legno Ŕ de natura frangibile e male da intaiare, a fadicha se fano al torno tondi, sichÚ io non ˛ volesto andare p¨ avante se prima non ˛ fato moto ala s. vostra e costarano de fatura cercha a marcheti 8 l'uno e poi de legno da cercha a ducati 3 e p¨ ne va asa' in rotame del quale rotame se gode. [2] SichÚ la Ill.ma s. vostra ordina quanto ˛ a fare, che tuto far˛ con la melio diligencia che io saper˛. E apreso mandar˛ la viola ala Ill.ma madona lionora duchesa d'orbin, per el primo meso fidato so che molto li piacerÓ per esere beletisima cosa. Marcheto se recomanda ala Ill.ma s. vostra et io p¨ como fidelisimo servitore. Vale, adý 7 zenare 15010.

Apreso mio fratelo si me Ó manda' una peca de sesa sotile la quale si Ŕ alta p¨ de do' braca e alcunj coramj damaschinj, li p¨ beli colori che vedese maie e certe pugnate de confecion coŔ pistachi conditi e zenzeri indianj e tuto sta al comando de la s. vostra.


||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1444, c. 2.
Cart., 1 f.