145. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 23 settembre 1508

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per messer bernardin macon ve mando uno cararamaleto damaschino asai belo, el p¨ belo abia trovado: Ŕ sta' porta' d'alisandria con 'ste galeie et Ŕ de uno gentilomo el quale non ne vole mancho de oto ducati. Con questo, s'el piacerÓ ala s. vostra e se anche quela non li piacese, la lo remanda p¨ presto sia posibile e, se ancora se poterÓ avere per mancho, far˛ ogne diligencia.
[2] Ď auto grande apiacere che l'agata ve sia piacuta a ben el tegneva per certo e invero l'Ŕ grande bela cosa e quela sia certo che la vale cento ducati. E spero ancora de fareve avere una altra bela cosa che era in conpagnia con l'agata, aspetando li danari per potere pagare questa altra. Non altro per questa, de contunevo me recomando ala Ill.ma s. vostra como fidelisimo servitore. Vale, adý 23 setenbre 1508.
laurencio da pavia in venecia.
||

Ala Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
marchisana de
Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 384.
Cart., 1 f.