144. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 20 agosto 1508

Ill.ma et ex.ma madona, [1] sento grandisima alegreca dela salute de la s. vostra. [2] O per l'altra, per el portatore di questa, mando la agata in forma de una capa, ma ve la mando per la p bela cosa che sia in italia n, forsa, fora de italia ancora che coluj che me l' venduda dormiva e la agata era mal condicionada como quela che se conoseva esere in le mane de uno ingnorante, e como la vene in le mie mane l' tornada in el suo bono esere. [3] E sapia la s. vostra che, subito como l'ebe, la mostrai a uno milanese da galara' che sta a mantova p mesi e me volse dar atertanto quanto me costa, che me costa trenta ducati, ma non volia dio che tal cosa facese maie, dicho se n'avese trova' cinquecento ducati non l'averia dada perch tuta la vita mia non tende ad altro che a fare cosa grata ala mia Ill.ma madona como fidelisimo servitore.
[4] E la s. vostra li far fare de sopra uno ornamento d'oro: so certo che la s. vostra ar cos grata questa agata quanto cosa abiate auto forsa un paro d'anj e guardatela como sta lavorata: l' una grande fatura. Vale, ad XX agosto 1508.
vostro laurencio da pavia
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 383.
Cart., 1 f.