142. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 11 agosto 1508

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per messer tadeo alban ˛ receuto trentado ducati, trenta per la viola e do' dela corona de ebano, e del tuto regracio la Ill.ma s. vostra ancora che io non meritase tanto, ma forcar˛me de meritare in qualque altra cosa avendo io infinite obligacione ala mia Ill.ma madona.
[2] E, per aviso, una altra bela cosa sono per mandÓreve, dela quale so che quela n'averÓ tanto piacere quanto cosa abiate auto. P¨ gornj fa e se quela se ricorderÓ bene, esendo a murano, ve fece vedere uno belisimo peco de ageta che fo de domeniche di piero, quelo de che fo la tela de faravone, e ancora c'era presente el R.mo cardinale de mantova et io ve dise che la pote' avere e che stete per dui ducati. [3] Ora Ŕ morto coluj che l'aveva che per niente non la voleva vendere. E la s. vostra me dise: źdio non ve perdona maie questo pecado╗. Adeso la s. vostra me lo perdonarÓ. L'˛ conprada dal fiolo per trenta ducati, el quale fiolo Ó auto pocho del bono a vendere una tal cosa: dicove l'Ŕ la p¨ bela agata che maie vedese e vale cento ducati e per lo primo la mandar˛. Ancora non l'˛ finita de pagare. Ebe tanta alegreca quando ebe concluso el mercado quando de cosa che abia auto maie. Non altro per questa, de contunevo me recomando ala mia Ill.ma madona como fidelisimo servitore. Vale. E quando la conprai c'era presente messer ieronimo da figin. Adý Xj agosto 1508.
vostro laurencio da pavia
in venecia.

Mio fratelo va, ala fin di questo, con le galeie a damascho: se ala s. vostra vorÓ qualque cosa da quele bande, quela comanda che tanto se farÓ.


||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchesana de
Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 381.
Cart., 1 f.