139. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 15 luglio 1508

Ill.ma et ex.ma madona, [1] visto quanto sia sta' el grandisimo contento Ó auto la s. vostra dela viola, n'˛ auto grande alegreca per esere desideroso senpre de fareve cosa grata. E pareme, a mj, a non esere suficiente tanto quanto sia li meriti dela mia Ill.ma madona la quale adoro, ma me pare ben che maie p¨ sia per fare una simile cosa. [2] Prima, non spero de trovare maie p¨ uno peco de sandelo cosý belo como questo, segondarie, se vene vegi, mancarÓ la vista e la diligencia e pareme faci con mazore fadicha che per el pasato: como se volia, la mia vita, Ŕ senpre ali servicii dela s. vostra como fidelisimo servitore e doler˛me che, dapoi morto, ancora le mie ose non siano ate a fareve qualque beneficio. [3] Apreso, ms tadeo ve manderÓ una corona d'ebano molto bela, ben fata e de belo ebano, ch'Ŕ sta' una ventura perchÚ non s'atrova ebano che valia niente, non ve n'Ŕ p¨ cosa bona, la quale costa ducati 2 con tuti li avantazi che sia sta' posibile e li danari li ˛ dati io e non messer tadeo. [4] Apreso ˛ auto da dito messer tadeo marceli 19 per l'ebano e sandelo che mandai ala s. vostra, che sta bene e quanto sia servitore dela mia Ill.ma madona non acade p¨ a replicare. Vale, adý 15 luio 1508.
vostro laurencio da pavia in venecia.
||

All' Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra March
esana de Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1442, c. 307.
Cart., 1 f.