137. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 27 novembre 1507

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per el portatore di questa mando la viola che concada. Era molto male condicionada. L'aio aperta e incadenada et era abasa' de corde, la bateva tuta su el fondo, l' alcada che adeso l' la sua bona vose e aiusta' el manicho e repolida tuta e incordada ala melio che s' poduto. Non s'atrova corde per danari bone, de triste ce n' asai. [2] Apreso atendo a fare la viola de sandelo. Spero de fare una beletisima cosa e bona per avere el sandelo in tuta ecelencia.
[3] Apreso resto avere 19 marceli: nove livere e meza tra sandelo e ebano mandai per franceschin per comisione de la Ill.ma s. vostra e de continevo me recomando a quela como fidelisimo servitore. Vale, ad 27 novenbre 1507. El patron del burgo che porta la viola nome iacomo del bon.
vostro laurencio papiensis
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
‹Man›tova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 370.
Cart., 1 f.; l'indirizzo lacunoso a causa di uno strappo, provocato dall'apertura del sigillo.