136. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 16 novembre 1507

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per messer giovane francescho ˛ receuto la viola la quale Ŕ molto male codicionata: bisogna aprilela e incadenarela. La concar˛ bene e incordarela. [2] Apreso, a questi gornj ˛ auto un belisimo peco de sandelo, la p¨ bela cosa che abia maie visto: Ó beletisime mage et Ŕ per fare la viola, che la far˛ in tuta ecelencia. E per el pordtadore di questa mando una mostra de dito sandelo, che Ŕ una bela bachetina, e de quelo propio che far˛ dita viola. [3] E p¨ gornj fa mandai per franceschin doi peci, uno de sandelo e uno d'ebano, che fo per comesione dela s.ria vostra: de questo non ˛ auto li danari e pesavano toti doi livere nove e meza che monta marceli 19: questo resto avere. Non altro per questa, de contunevo me recomando ala mia Ill.ma madona ala quale sono fidelisimo servitore. Vale, adi 16 novenbre 1507.
vostro laurencio da pavia in
venecia.

El portatore ve dirÓ a conpimento.


||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 369.
Cart., 1 f.