133. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 1 maggio 1507

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per el tesorere mando l'altro peco de sandelo che m'Ó rechesto la s.ria vostra, el quale Ŕ in soma beleca, quanto maie dire se potese, e belisimo colore et molto me doio che non sia sta' bono per fare la viola e quando lo fece segare e che lo trovai guasto dentro me trova' tanto de mala volia che non poterei dire p¨. [2] E da un tenpo in qua non s'atrova p¨ nŔ ebano nÚ sandelo che sia al preposito per fare qualque belo lavore, de che me doio asai, una volta so che quela sa certo che tuta la vita mia non pertende in altro che in fare cosa grata ala mia Ill.ma madona, tuta volta non faco altro de contunevo che cercare tal legni e trovando ala gornata qualque cosa far˛ l'oficio del fidelisimo servitore.
[3] Apreso mando ancora 3 scudelinj de smalto e al presente non Óno altri colori in fornasa, ma stano de gorno in gorno per meterene e se a quela piacerÓ che ne faci fare di altri, far˛. E questi 3 costano marceli 2, li altri che mandai costano un ducato, tuti con el vaso. Non altro per questa e senca fine me recomando ala mia Ill.ma madona, adý primo de mago 1507.
vostro lorenco da pavia
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
marchisana de
Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 360.
Cart., 1 f.