131. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 13 aprile 1507

Ill.ma et ecelentisima madona, [1] per el portatore di questa mando una scatola in la quale li Ŕ dentro la taceta d'arezento e do' tacete de smalto verde e una crestalina. E non Óno poduto fare li altri colori de p¨ sorte perchÚ non li Óno al presente in la fornasa, ma m'Ó promiso che per tuta questa setimana me servirano benisimo e cosý ne mandar˛ 4 o sia de p¨ colori e che abiano el fondo p¨ piano, e per lo primo le mandar˛ dando aviso dela montada d'esi. [2] E p¨ mando un vaso, molto bela cosa, e iusto con doi belisimj manichi antichi e per la sua beleca l'˛ tolto ancora che la s.ria vostra non m'abia da' tal comesione. Tuta volta m'Ŕ parso che in 'sta cosa non abia potuto erare sapendo che quela Ó molto apiacere de cose ben fate, e costa un ducato e la scatola marcheti 6.
[3] Cercha ali paternostri io ˛ fato la diligencia per fareli fare d'ebano ala fine non Ŕ posibile a fareli cosý picoli perchÚ l'ebano Ŕ frangibile e n'Ó fato 4 e tuti se ronpano in fare el buso nÚ non se pono lustrare e che el sia el vero quando ne fo fare de queli grosi ancora ne ronpa asai. SichÚ molto me doio a non potere sastifare ala s.ria vostra. [4] Ebe li doi ducati dela bacheta d'ebano: resta li dodese ducati e mezo dele do' once de mosgo.
[5] Apreso, a 'sti gornj pasati conprai uno peco de sandelo che era la p¨ bela cosa che maie vedese e lo cernite fora de p¨ de quatro cento peci e me costa oto ducati. E cosý lo fece segare per mezo e l'˛ trova' guasto che molto me trova' de malisima volia: Ŕ grande fadicha a trovareli che siano neti, questo era tanto neto de fora e saldo. E mando del dito sandelo una belisima bacheta e un calemo, credo piacerÓ ala s.ria vostra; l'Ó, cosý de fora via, la groceca de un dido neto, ma non per tuto, per fare qualque cosa de picolo ma non per fare stele large per la viola.
||
[6] Ancora ˛ conpartito un baston groso quatro volte como Ŕ 'sta bacheta, e p¨ longo, netisimo, el salvo per respeto.
[7] Ma veramente queli paternostri picoli sono molti agraciati e li mostrÓ a un franceze: me dise che dreto ala corte dela maiestÓ del re ce n'Ŕ e che se domandano, ge altra gentilece non m'atrovo al presente che sia degna de mandare in mano de la mia Ill.ma madona, ala quale me recomando senca fine per fidelisimo servitore. Vale, adý 13 aprile 1507.
vostro lorenco da pavia in
venecia.

Alla Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra March
isana de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 359.
Cart., 1 f.