128. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 6 febbraio 1507

Ill.ma et Ex.ma M.a, [1] se maie de cosa alcuna io me retrovai consolato et contento, sia certo la ecelencia vostra che la nova, novamente receuta, del fio masculo che quela Ó aparturito, pasa ogne segno e mesura e alegreca perchÚ, esendo io servitore di quela, sono debitore de ogne prosperitÓ e contenteca sua relegrareme e congratulareme con quela, e cosý, con ogne reverencia, faco.
[2] Apreso, mando una altra p bacheta d'ebano beletisima con una maga in el mezo rosa che sta molto bene, cosa che non vide maie p¨ in ebano, coŔ questa e l'altra che mandai. [3] E p¨ mando once 2 de mosgo finisimo e frescho e 'ste do' once l'˛ cernito fora de p¨ de livere do': Ŕ molto belo e bono e neto, senca alcuna tristisia e monda ducati Xij e mezo; e in questo ano n'Ŕ venuto asai, ma vegi e per niente non sono de 'sta bontÓ. [4] Apreso solicito la porta ogne gorno, do' o tre volte: Ŕ grande dificultÓ a cavare una vertÓ da 'sti mastri, tuta volta credo sarÓ finito ogne cosa fina a 4 gornj. [5] Li feramenti e saradura va tenuto in tenpo e tuto Ŕ che li avemo fato fare dal melio mastro dela tera e per diligencia non se manch˛. Non altro per questa. Vale, adý 6 febrare 1507.
lorenco da pavia in venecia.

Spero andare fina a 4 gornj fina a ferara per 5 gornj a fare reverencia al R.mo cardinale da este.


||

Ala Ill.ma et Ex.ma M.a
Marchesana de Mantova
M.a mia observandissima.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 356.
Cart., 1 f.