126. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 16 gennaio 1507

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per el portatore di questa mando una bacheta d'ebano che à do mage rose che pare sandelo, la quale aveva aparegada e una altra, che non è ancora finita, per portare con mj perché, fina a qualque gornj, sono per andare a bologna, tuta volta non mancarò de mandarele ala mia Ill.ma madona dove se adrica tute le cose mie e ancora me dubito che faco certi instromenti per el R.mo cardinale santo piero a vincula, che quando sarò in viazo per andare a bologna che piarò la via de Mantova. [2] Cercha a fare una bacheta de sandelo, dicho che non trovo sandelo né ebano bene che sia belo. Vero è che c'è uno che à uno magacino pieno ma, al presente non lo vole aprire per una pocha cosa, ma m'à promiso certo che fina a 2 mesi l'aperà per cavareli tuti per le galeie de fiandra e che me laserà cernire un peco a mio modo perché, in efeto, non s'atrova cosa bona per la tera e per fare 'ste gentilece se el legno non è belo, io non ò amore a lavorarelo. [3] Cercha ala porta, l'è finita: mancha la porta de legname che ancora lei sarà finita fina a X gornj: così m'à promeso el mastro ch'è mantovano e lavora bene e la seradura polita e certi altri feri agraciati e poi subito se manderà. Non altro per questa, de contunevo m'arecomando ala mia Ill.ma madona per fidelisimo servitore. Vale, adì 16 zenare 1507.
vostro lorenco da pavia in venecia.
||

Dapoi l'è gonto mio fratelo che vene da damascho,
el quale à portado cercha a una livera e meza
de mosgo e ancora vesige piene molto ecelente.
E pù ancora l'à porta' atertanto anbracan,
ancora luj in tuta ecelencia, el quale si è
al comando dela ecelencia vostra.


||

Ala Ill.ma et ex.ma M.a
Marchisana de mantova.



Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, cc. 354-355.
Cart., 1 foglio e 1 cartiglio; il cartiglio num. 355 è applicato alla c. 354 e contiene il poscritto.

Intestazione nel minutario: "Laurentio de Papia".