120. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 29 novembre 1506

‹Ill.ma et ›excelentisima madona, [1] per el portatore di questa ‹mando› el liuto picolo per lo Ill.mo signore fedricho e cercato con ogne diligencia siché n'ò trovato uno bono e belo, costa ducati 2 e mezo, con tuti li apiaceri ma l'è bonisimo. [2] Apreso, mando el spego de crestale finito con el suo covergo con quela pocha diligencia che m'atrovo.
[3] Or, cercha a l'organo che fo del vianelo che quela à inteso che l'è guasto, vero è che l'è deschorda' perché l'à sentito la pasione del mancare del suo patrone. E poi, per zonta, el vene antonio da ferara per sonarelo siché s'el stava male prima, el se sdegna a stare ancora pego, ma, como el me veda mj per oto gornj, el tornarà melio che el fose maie. E le persone à respeto a conprarelo perché dicano che nesuno non lo sa concare salvo io, che parte dicano la verità. Siché conforto molto la ecelencia vostra a torelo per esere cosa rara, e in questo l'apetito non me guerna. Basta, che zuro a dio de non concarlo maie se non capita in le mane de quela. E a quela de contunevo m'arecomando como fidelisimo servitore. Vale adì 29 novenbre 1506.
Ebano non s'atrova per fare la viola: in el sandelo ò pocha devocione perché el perde presto el colore, tuta volta, piacendo a quela, la farò.
vostro servitore lorenco da
pavia in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 325.
Cart., 1 f.; il margine superiore sinistro è strappato.