116. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 12 ottobre 1506

Ill.ma madona, [1] ˛ visto quanto ala s.ria vostra Ŕ piacuto el spego de crestale, de che n'˛ auto grandisimo apiacere: sapeva ben non poteva esere altr[…] ‹a›mente perchÚ la s.ria vostra si Ó bono e perfeto iudicio e ancora io lo mandai per una cosa rara coŔ non abia nesuno palengone como Ŕ la s.ria vostra per la prima. Non vide maie el p¨ neto crestale; del fornimento d'ebano io non ˛ maie fato la p¨ bela cosa. [2] Cercha al pagamento non el voia dio che io abia a rechedere nula cosa salvo che quela faci quelo che li piace e, a fare el debito mio, ne doverei fare un presente a quela ma, per avereme a guadagnare el pan, sono constreto a esere vilan. [3] De la porta averete da poi inteso quelo facesemo, cosý la solicitar˛ con ogne diligencia insemo con l'alban. [4] ╚ ben pecato a segare quelo peco de porfido in peci picoli. [5] Pura non ˛ maie auto aviso se quela recevete quelo ebano e avolio e sandelo. [6] Apreso molto me doio del mancare del nostro messer andrea mantegna, chÚ invero Ŕ mancato uno ecelentisimo omo e uno altro apele: credo che il signore dio l'apdoperarÓ in fare qualque bela opera. Io per me non spero maie p¨ vedere el p¨ belo desegnatore e inventore. Vale, adý Xij otobre 1506.
vostro servitore lorenco da pavia
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de mantoa.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 322.
Cart., 1 f.