113. Isabella d'Este, marchesa di Mantova a Lorenzo da Pavia

Mantova (MN), 23 settembre 1506

Lorenzo, [1] Havemo inteso da Franceschino et da messer Zo. Francisco valerio che voleti venire a visitarni et portarne alcune cose, tra quale è una viola. [2] Vi aspettamo et vederemo molto voluntieri, ma desyderaressimo
||
che la viola fusse d'hebano o de sandalo, come più volte ve havemo scritto, perché de altre siamo ben fornite, havendo recuperato quella che ne fu robbata, né de altre, cha de hebano o sandalo, ne piaceria; non dimeno, como havemo dicto, la persona vostra ne serrà grata volendo venire in qua, et perché havemo bisogno d'un pezo d'hebano grande circa un pede per quadra et groso più che se ritrova, pregamovi ad volercelo comparare et mandare per el presente Cavallaro, che ne fareti cosa accept.ma et Benevalete. Mantuae XXiij Septembris 1506.
B. Capilupus.

Minuta cancelleresca. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 2994, Libro 19, c. 17.
Cart.

Intestazione nel minutario: "Laurentio de Papia".