110. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 20 giugno 1506

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per dare questa bona nova ala s.ria vostra: ebe el faravone da M. messer andrea lordano, e fato tuta la diligencia che sia posibile a fare une fidelisimo servitore; con el dite messer andrea è reduta la cosa in ta‹l› termine che quando andai per tore el quadro menai messer tadevo per bon respeto: è molto diligente e aficionato a le cose dela s.ria vostra. [2] Ora el magnificho messer andrea non à volsuto salvo che el costo del faravone de li cento e quindice ducati li lecete la letra che me scrise la signoria vostra, unde che el resta molto sastifato e se'l dito quadro non andava in le sue mane non l'avevamo maie, e per esere luj mio grandisimo amicho. [3] E pù el dito quadro saria sta' pagado da altri da cento quaranta ducati: c'era asai che li aveva l'ogo adoso, non l'aveva maie se l'andava per altra via. [4] E pù el dito messer andrea tolse una testa ch'è el retrato de coluj che fece el faravone, costa ducati 2 e ancora tolse certe porcelane che sono peci 18, costareno da XV XX ducati: doi vasi grande e un fiascheto el quale à odore bono fato in la porcelana; el resto piadene e scudele e piadenete da insalata e un certo scudelino molto belo, sotile como una carta, che l'ò miso in una scatola in la casa dove sono tute e così el dito ne dise: «Orsù gà che tolete el faravone, tolete ancora queste altre cose», e a noi no parse de recusare tal cosa e tanto pù che l'è bon mercato ancora che non c'è tropo bele cose, tuta volta credo ie sarà qualque peco che piacerà ala s.ria vostra. [5] E così, per el prima barcha, se mandarà ogne cosa con ogne diligencia. Al quadro avemo fato fare una casa così de groso acò non se guasta niente e così l'è in casa de messer tadeo san e salvo, dio gracia. [6] Basta, che la ecxelencia vostra à ben fato da una regina se ben l'avese quatro corone fo l'una sopra l'altra, abenché a mj non m'è niente de novo. [7] Vero è che desiderava ancora avesti l'organo ma lo cantano tropo. Paciencia. La s.ria vostra à una cosa pù degna che l'organo, avete mi che l'ò fato, senca conprareme, che non desidero altro al mondo che fareve cosa grata. Apreso messer tadeo prega la s.ria vostra che faci scrivere a ferara al bancho per li danari del dito faravone ‹perché› non c'era giovane francescho e messer tadeo à provisto luj del suo f‹ina› a tanto la signoria vostra faci fare la provisiona. [8] E ‹de›
||
contunevo m'arecomando ala mia ecelentisima madona fina a qualque gorno che verò a fare reverencia a quela che averò da rasonare una infinità de cose. E messer tadeo scriverà a conpimento de ogne spese fate per dite cose: credo che tuta la soma sia cento trentasete ducati. Vale, adì XX zugno 1506.
vostro lorenco da pavia in
venecia.

Alla Ill.ma et ex.ma
s.ra mia la sig.ra
Marchisana de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 312.
Cart., 1 f.; il margine inferiore destro della c. 321 r. si è deteriorato (si sono adottate le integrazioni proposte da C. Brown).