108. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 5 giugno 1506

Ill.ma madona, [1] ˛ auto el vaso d'agata, dio laudato, e con grande ingenio: dubito che tuto l'ingenio che che adoperava ne li instromenti l'˛ miso in 'sta cosa del vaso e dela tela del faravone, la quale non studio in altro che in avere dita tela e questo desidero p¨ de fare che cosa che maie abia fato al mondo. [2] E presentai la vostra letra al M. messer andrea lordan unde che lo esotai asai a volere conpiasere a quela e per esere luj mio carisimo amicho, or talmente che reduse la cosa in 'sto termine, che l'era contente de fare tuto quelo che piace ala ecelencia vostra e a mj, ma sia tanto secreto quanto serÓ posibile e per via de presente e non de vendita. Tuta volta li bisognerÓ donare vintecinque ducati. E p¨ se l'andava in altre mane non l'avevamo maie, como poi a bocha ve dir˛ molte cose. [3] Basta, averete auto el fiore dele cose de messer michele. Mancava l'organo ma lo teneno in gran reputacione, dicono Óno trovato trecento ducati. antonio da ferara Ŕ a venecia, credo sia per questo. [5] E darete subito l'ordine de li danari del faravone. [6] E fece avere quela bela testa del misinese a monsignore R.mo de ferara. Non altro per questa, de contunevo me recomando ala s.ria vostra como fidelisimo servitore. 1506 adý 5 zugno.
vostro lorenco da pavia
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma si.ra
mia la sig.ra Marc
hisana de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 310.
Cart., 1 f.