107. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 3 giugno 1506

Inlustrisima madona, [1] questa matina andasemo per tore el vaso, segondo l'ordine, in capo d'oto gornj e queli de l'oficio non lo volseno dare. Ne Óno fato uno garboio ala morescha como farene intendere che el termine si Ŕ uno mese, che non so la veritÓ: n'Ŕ forsa avere paciencia. Me dubito che qualque uno non sia intrado como un dire che l'Ŕ mal pagÓ, segondo el parlare de alcunj soprastanti, e in vero l'Ŕ strapagado. Ne sarÓ forca aspetare la fin del mese e vedere unde finerÓ 'sta cosa. [2] Cercha ala tela del faravone, sono sta' p¨ volte con quelo m.co gentilomo che l'Ó conprÓ e ˛ bona speranca che el s'averÓ donandeli qualque cosa, ma sia tanto secreto quanto dire se p˛. Luj non voria che se savese che lo vendese per niente ma, quando saremo a quela, lui dirÓ che lo dona; mi credo quando se li portarÓ li danari che se averÓ el quadro e como averete inteso a bocha mastro giovane francescho. [3] E de l'organo sta cosý: dicano avere trovato tresento ducati. [4] El clavicinbalo el conpra messer francescho cornere per otantado' ducati. Non altro per questa, de contunevo m'arecomando ala ecelencia vostra como fidelisimo servitore. Vale, adý 3 zugno 1506.
vostro lorenco da pavia in
venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
Mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 306.
Cart., 1 f.