105. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 13 maggio 1506

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per el cavalario ˛ scrito una parte, a conpimento m'Ŕ parso scrivere 'sto pocho, venendo 'sto mio amicho el quale ve dirÓ a bocha parte del suceso del nostro messer michele. [2] E dela tela del faraone, e de l'organo, queste 2 cose sarano p¨ in precio che cosa che sia; el vaso d'agata non li sarÓ tanti conpratori, e tuto Ó a venire a l'incanto e non valerÓ amicicia perchÚ stamane ˛ inteso che le voleno vendere a l'incanto con questa condicione: che fra oto gornj se troverÓ persona che li vorÓ dare de p¨ de quelo ch'Ŕ sta' venduto, che el sia suo e, se non conparirÓ nesuno, che el sia del primo conpradore. E questo lo fano per ogne cautela. Fina adeso pare li sia paregi conpratori, non so, quando se verÓ a li danari, como la pasarÓ. Io sono per fare ogne diligencia ac˛ la ecelencia vostra sia servita. Ď trovato un pocho de bon mezo, pura che el me vaia. Prego dio me dia 'sta gracia. De contunevo m'arecomando a quela como fidelisimo servitore. Vale, adý Xiij mago 1506.
vostro lorenco da pavia
in venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de
‹Man›tova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 303.
Cart., 1 f.. L'indirizzo Ŕ lacunoso a causa di uno strappo, provocato dall'apertura del sigillo.