103. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 9 gennaio 1506

Ill.ma et ex.ma madona, [1] per una vostra ò inteso quanto sia el desiderio de avere la viola d'ebano overo de sandelo che invero oramaie me vergogno dela mia vergogna, me pare avere preso dela malatia de giovane belino; tuta volta sono senpre sta' con speranca de gorno in gorno de trovare qualque belo peco de ebano e così con questa speranca sono gonto fina a 'st'ora. [2] E in efeto chi à ebano non m'el vole taiare, per l'altra non c'è altro che uno che l'abia bono et è una stanga che pesa qualque otanta livere e non la vole taiare. Siché io torò un peco de sandelo che sarà molto belo e così faco la forma che sarà la longeca de la corda como el liuto d'ebano. E faròla con ogne diligencia, remetendo ogne altra cosa, abenché con 'sti fredi se pol male lavorare. [3] Spero poi de fare vedere una altra bela opera ala s.ria vostra, pensando senpre in fare cosa che sia grata a quela, come fidelisimo servitore. Vale, adì 9 zenare 1506.
vostro lorenco da pavia in
venecia.
||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1441, c. 402.
Cart., 1 f.