102. Lorenzo da Pavia a Isabella d'Este, marchesa di Mantova

Venezia (VE), 8 dicembre 1505

Inlustrisima et ecelentisima madona, [1] receuto una vostra a me tanto grata che non poteria esere p, piando io tant'alegreca del bene di quela quanto servitore abia al mondo quela, s del seme quale produto la s. vostra, s anche del R.mo cardinale e doieme asai non sapere scrivere quelo che el mio core se alegra. [2] E stava per venire a fare reverencia a quela como fidelisimo servitore ma, non trovandeme al presente qualque instromento masime la viola d'ebano quale me ordina la ecelencia vostra, me vergogno a conparire avante a quela, ma dio sa che el non mio defeto: non maie trovato ebano che sia al preposito e tuta via faco diligencia de trovarene. [3] Vero che c' uno che n' uno peco, ma lo vole vendere tuto: pesa forsa LXX livere e vole ducati XViij del cento e ancora non me finise de piacere. [4] Apreso mando quele poche corde per el clavicordio che me atrovo e cos certe pene bonisime de avoltore. Le corde bone le faco venire da milano: non c' altro che un mastro che le faca bone. [5] E p faco uno clavicinbalo grande con 2 registri che li meto quanto so e poso, el quale sar finito questa stade. [6] A questi gornj fato fare uno spego de crestale neto senca un pelo e asai grande, con uno fornimento d'ebano fato de mia mano per el cardinanale sanpiero a vincula, cos lo manda' a roma. Fo per mandarelo ala ecelencia vostra, ma el meso non volse aspetare tanto. [7] La letra de messer piero benbo l' dada e asai se recomanda ala ecelencia vostra. Vale, ad 8 decenbre 1505.
vostro servitore lorenco da pavia
in venecia.

Apreso c' uno che una piadeneta da insalata,
porcelana biancha belisima: ne vole ducati 4.


||

Alla Ill.ma et ex.ma
si.ra mia la sig.ra
Marchisana de mantova.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Busta 1891, c. 83.
Cart., 1 f.