837. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga, Federico

Roma (RM), 19 dicembre 1521

Ill.mo et Ex.mo S.re e patron mio. [1] In questo punto per vera desperatione ho accettato de pigliare un partito, che è de havere in Bologna li 4 milia ducati in mano del Governatore a X dì de Genaro: che con tutta la forza de far quanto io ho potuto, non è stato ordine, passar più inanti. [2] Questo non fallirà, e potrebbe esser che se haveranno ancor prima; niente di meno non sono sicuro d'havergli prima. Ogni dì avisarò V. Ex.tia e farò ciò ch'io potrò per havergli prima, e farò intendere il tutto a quella, alla quale basando le mani in bona gratia mi raco.do.
In Roma, alli XIX de X.bre MDXXJ.
Di V. S. Ill.ma
Devoto Servitor
Bal. Castiglione ||

Allo Ill.mo et Ex.mo S.r e Patron mio, il S.r Marchese de ‹Mantua› de la S. R. E. ‹Cap.no genera›le


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 865, c. 401.