834. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Roma (RM), 17 dicembre 1521

Molto Mag.ca Mad.na mia matre honor. [1] Io mi credo esser debitor a due di V. S. una di 4 l'altra de XJ del presente; pur con tutto questo scriverò brevemente, e dirò ch'io sto sano Dio gratia, che non mi par poco.
[2] Circa li nostri fittadri V. S. li faccia tenere sollicitati di quel meglior modo che li pare: che a dire il vero, non si pò vivere senza denari. Io feci ancor la segurtà qui a Franc.o Soardo con un mercatante da panni per 16 ducati d'oro larghi, e tri ge ne prestai, che forno 19 da pagarli a Mantua a q.to Natale. [3] V. S. vederà se m. Iacomo suo padre ge li farà respondere, e me lo avisarà: e quando non lo facesse, la potrà fargene dire una parola. [4] Delli nostri vicini Conti da Gazoldo che guastano li nostri boschi, V. S. se ne dolga con Mad.ma, e faccia che mio compatre m. Gio. Iacomo solliciti ch'el se gli faccia qualche rimedio, che in vero, parmi che habbiano torto.
[5] Quello Zibramonte che mi prestò 50 ducati, li quali io promisi restituire a q.to Natale, scrive la qui inclusa a collui a chi s'hanno a pagare in Mantua. Prego V. S. ge li faccia pagare, pigliandone da.llui quietanza, che faccia mentione che se paghano per tanti ch'io ne ho hauti qui da Alex.o Zibramonte. [6] Bisogneria ancor pagare quelli altrj cento alli heredi de S.ta M.a in Portico adesso. Se si dessero a quello Andrea Zaccho che mi rispose l'altro dì quelli altri cento qui, per m. Martin Cavalero, me si responderiano subito. [7] V. S. me avisi, se seranno apparechiati, perché costui me li sborsaria ad ogni mia posta. Io son stancho, però non scrivo più. V. S. faccia pregar Dio alle nostre sori che ce dia un bon PP., e Dio lo voglia.
A V. S. mi raco.do.
In Roma, alli XVIJ di X.bre MDXXJ.
‹Baldesar Castiglione› ||

Alla molto Mag.ca Mad.a Mia Matre hon. Mad.na Aluysa Gonzaga da Castiglione


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 391.