745. Castiglione, Baldassarre a Capo, Giovan Francesco de (Capino)

Roma (RM), 9 novembre 1521

Mag.co etc. [1] Ho recevuto le due vostre una de dui in Ostiano, l'altra pur di duj in Ottolongo, e ve ringratio de li avisi, che in essa se contenghono. Nostro S.r Dio conceda che le cose succedino a servitio del papa, et honore dello Ill.mo S.re nostro.
[2] Piacemi molto che m. Fabritio Signorello habbia hauta la compagnia. Prègovi ve ne alegrati con lui in mio nome, e me li racomandiate. Ho piacere assai ch'el Ill.mo S.r nostro, habbia compreso ch'io havevo raggione di racomandargelo per esser homo da bene. Piacemi intendere il Cap.no Guido Guaina se diporti bene; el S.r Giovannj già è cognosciuto da tuttj per valente, e non pò mancare.
[3] El servitio di quelli homini d'arme ch'io mandai da Roma comincia a XXIIJ de agosto, perché in quel dì se partirno di q.a, et io li promisi ch'el suo servire cominciaria quel dì che se partivano. [4] Questo intendo di quelli che foro pagati qui; li altrj li fu ditto che suo servitio cominciarebbe quel dì che farieno la mostra in campo: e questo s'io non me inganno lo scrissi al S.r Gio. et ancor al Conte Nicola. Piacemi che la insegna de la compagnia sia data a M. Ant.o Pavese essendo masimamente così la voluntà dello Ill.mo S.r nostro.
[5] Prègovi me avisiate se Schips se partirà di Campo et ancora se intendete qualche cosa del S.r Franc.o Maria, ciò è se serà in campo de' francesi o de' venetianj. E se bene le strade non fossero così secure non restate voi di scrivermj poi che havete la zifra.
Altro non mi occorre se non che a voi mi raco.do e prègovi me racomandiate al S.r Alex., si gli è in campo et a.ttuttj quelli altri S.ri, e specialmente al S.r Lorenzo Cibo; e racomandatime ancor a tutta la Compagnia, e a voi stesso.
In Roma, alli IX de IX.bre. ||

A M. Capino


Copialettere, non autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Castiglioni, Serie II, busta 23, ms. E, cc. 19-21.