741. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga, Federico

Roma (RM), 8 novembre 1521

Ill.mo et Ex.mo S.re e patron mio. [1] Heri scrissi a V. Ex.tia haver ricevuto le sue del p.o di questo e del secondo, e di poi quelle di tre, le quali andando per mostrare a Nostro S.r, trovai che Sua S.tà invitata dal bello tempo andava a montar a cavallo al improviso per andare alla Magliana; e così non potei far questo effetto. [2] Ritornato in casa hebbi quelle di quattro, e questa mattina sono stato alla Magliana, e tutte fattole legere a Sua S.tà insieme con li avisi de m. Ant.o Bagarotto. Nostro S.re ha hauto caro intendere li progressi delle cose, et ancor di questo lauda Vostra Ex.tia come dil resto, e la prega a voler continuare in far scrivere.
[3] Io ho fatto la magior instantia di novo che mi è stato possibile circa il quartiero. S. S.tà mi ha replicato ch'el si mette tutta via in ordine certo certo, e che non se sborsarà un quattrino per altra spesa alcuna fin che V. Ex.tia non habbia il suo quartiero. [4] Io oltre le lettere che gli ho mostrate, gli ho ancor detto a boccha tutto quello che ho saputo. S. S.tà mi ha detto che Monsig.r R.mo de' Medici gli ne ha scritto caldissimamente, e che presto presto me lo darà. Quante occasioni me ne veniranno, tante operarò, in procurarlo, fin che el se habbia: e spero pur che presto l'haveremo.
[5] Circa quanto V. Ex.tia mi scrive de la instantia che fa il X.mo de excludere quella de pace o tregua che si havesse a fare, io ho mostrata la lettera a Nostro S.re et oltre quello, allargatomi assai sop.a questo con parole con dire a S. S.tà lo exempio che la darebbe a' soi servitori, non solamente in abandonare V. Ex.tia, ma non remunerandola e non exaltandola per quanto la potesse. [6] Nostro S.re mi ha detto ch'io scriva a V. Ex.tia che la stij di bon animo, che in tal caso el vi lasserebbe p.a la vita che abandonare V. Ex.tia, e ch'el farà vedere a tutto il mondo ch'el ha quella per figliolo, e molte altre bone parole. S. S.tà sta pur con bona speranza che le cose habbino a succeder bene, il che Dio voglia che così sia.
[7] Qui si fanno diversi iudicij de ciò che faranno francesi, ma tutti sono in aria perché li andamenti de' svizeri ne hanno da dare la sentenza. Per ben che questa ambiguità debba presto risolversi, e pigliar qualche lume: Nostro S.r la indrizi a bon camino. [8] Il PP. credo che starà fora per tutto el giorno de S. Martino, e la Magliana è tanto vicina, che è quasi come esser in Roma.
Altro non mi occorre che dire, se non che humilmente baso le mani di V. Ex.tia et in bona gratia di quella mi raco.do.
In Roma, alli VIIJ di IX.bre MDXXJ.
Di V. S. Ill.ma
Fidelissimo Servitor
Bal. Castiglione ||

Allo Ill.mo et Ex.mo S.r e Patron mio, il S.r Marchese di ‹Mantua›, de la S. R. E. ‹Cap.no gener›ale


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 865, cc. 334-335.