715. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga, Agostino

Roma (RM), 25 ottobre 1521

Reverendo et mag.co m. Agustino. [1] A la lettera de V. S. de XIIJ del presente non ho dato altramenti risposta, havendo scritto quanto me pareva fussi bisogno a questo negocio al Mag.co m. Franc.o et ancor allo Ill.mo S.r nostro. [2] E la sustantia è questa, che Nostro S.re è dispositis.mo a far ogni cosa che sia beneficio di V. S. e piacere dello Ill.mo S.r nostro: però circa la diocesi bresana non si fa difficultà alcuna; de la mantuana Nostro S.re par far ingiuria al Car.le el quale ha l'indulto, e m. Angelo Germanello stima che Sua S. R.ma ne harebbe qualche fastidio.
[3] Io ho scritto di questo largamente allo Ill.mo S.r nostro et m. Franc.o; quello che me sarà replicato quello farò.
[4] Circa a le offerte che V. S. me fa parmi che dal canto vostro e dal canto mio sieno superflue.
Restamj solo racomandarme a V. S. e pregarla che la basi le manj racomandandomj in bona gratia allo Ill.tre e R.do S.r suo e mio.
In Roma, alli XXV de Ottobre. ||

A M. Ag.o da Gonzaga


Copialettere, non autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Castiglioni, Serie II, busta 23, ms. E, cc. 3-4.