703. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Roma (RM), 16 ottobre 1521

Molto Mag.ca Madonna mia matre honor. [1] Ancor ch'io non habbia da respondere a lettere di V. S. scrivendo a Mantua, non voglio mancar de scri‹vere› ancor a.llei, com'io sono (Dio gratia) sano, e desidero sempre intendere el medesimo di lei, e de li nostri. Di qua non so che scrivergli.
[2] Noi stiamo tutti in espettatione de le cose de la guerra, le quali Nostro S.r Dio se degni far haver exito ‹bono› e senza danno. Li turchi hanno preso Bel Grado in Ungheria, cosa de tanta importantia quanto altra che ne sia in tutta Christianitate, e le chiese fatte muschee, e le campane artigliarie, e posto le leg‹g›i e la iustitia a modo suo, e gli nostri si rompeno il cervello tra loro.
V. S. haverÓ haute mie lettere, per˛ in questa non replicar˛ altram.‹te› se non che a.llei mi raco.do di core, et a tutti li nostri.
In Roma, alli XVJ de VIIJ.bre MDXXJ.
Di V. S.
Ob. Fi.
Bald. Castiglione ||

Missiva autografa. , Manoscritti Italiani, IIII, c. 18.