699. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Roma (RM), 11 ottobre 1521

Molto Mag.ca Madonna mia matre honor. [1] Ho due lettere di V. S. una di 5, l'altra de 8. Alla prima che è apertinente a Ghirardo Terzo non occorre dir altro se non ch'io farò per lui come per me medesimo; all'altra, dico che hebbi le lettere de cambio. V. S. n'haverà lei ancor haute alcune mie.
[2] El borriccho non ho ancor hauto: lo aspetto, e così el saglio e le fodre. Delli formaggi sònomi risoluto non li volere altramente, per il rispetto che ho scritto per altre mie a V. S. L'horloglio desidero ancor molto di havere, ma lo vorrei sicuramente, ciò è ch'el non si guastasse, e ch'el me venisse. Però V. S. di gratia lo faccia venire per persona discreta.
[3] Quelle scritture che erano nel Cortegiano, non le ho ancor haute, il che dolmi molto: pur potrebbe essere che veniranno ancor (Dio lo voglia).
[4] Le nostre amisurationi mi cominciano mo' a venire in fastidio. Prego V. S. se questo Burgan non vi vole o non vi pò andare, se gli faccia andar un altro, che mi par pur troppo strano che non sappiamo ciò che ne habbiano a paghare questi nostri fittadri. [5] Noi havemo Balconzello e Casatico e Pellalocho, e pare che non sia possibile havere un quattrino né da pagar debiti, che è la principal cosa ch'io vorrei, né da far altro. Pur so che V. S. non li mancha de sollicitudine.
[6] A Camillo manderò qualche presente. Quel libretto non so ove sia, se non è con gli altri libri. Erotimate, ce ne erano tre o quattro credo che ne fossero date un pare a Ludovico et Uberto de m. Thomaso nostro; pur non se trovando, chi scrivesse a Venetia, se haveriano subito. [7] Vorrei che V. S. se la pò insieme con lo horlogio, mi mandasse un mio libretto coperto de carton bianco che è le opere de rethorica de Cicerone, stampato de quelle lettere piccole de Aldo. La forma del libro, è un quarto de foglio, e alto dua dita: credo che m. Hercule lo troverà presto. [8] Io lo vorrei perché è postillato in molti lochi de mia mano, e ne la prima carta dentro è notata la natività de Camillo, e de l'anno. V. S. faccia diligentia de mandarmelo ma (come ho detto) in qualche forcieri che non si guasti. De la Mada.na V. S. faccia come li pare.
Altro non mi occorre, se non che a V. S. sempre di core mi raco.do.
In Roma, alli XJ de VIIJ.bre MDXXJ.
Di V. S.
Ob Fi.
B. Castiglione ||

A la molto mag. Mad.a mia Matre honor. mad.na ‹Aluysia› Gonzaga da Castiglione


Missiva autografa. Bergamo (BG), Civica Biblioteca Angelo Mai, Sezione Manoscritti, 67 R 5.