680. Castiglione, Baldassarre a Equicola, Mario

Roma (RM), 15 settembre 1521

Reverendo m. Mario mio. [1] Io non ho sapputo meglio pagarvi de la lettera che me havete scritta, che mostrandola a N. S.re, il quale ha laudato sommamente lo Ill.mo S.r nostro de l'havere operato, come voi scriveti, et voi de havere scritto come S. Ex.tia operò; siché l'uno et l'altro è stato laudato.
Prègovi per l'avenire a volermi medesimamente scrivere quelle cose che intenderete, ch'io sempre ve ne farò honore, et a voi tutto mi raco.do.
In Roma, alli XV de Sept. MDXXI.
Come Fratello
Baldesar Castiglione ||

Al Reverendo e mio come fratello hon. m. Mario ‹Equico›la Secr.o Mar.le


Missiva non autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 865, c. 275.