651. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Roma (RM), 2 agosto 1521

Molto Mag.ca M.a mia matre honor. [1] Alle lettere de V. S. de XXVIIJ e XXIX, non dirò altro, se non che M. F. Gonzaga è un poco pusillanimo, ma non potrà fallire. Piacemi de quello che ha fatto V. S. del Daciano, perché in vero io non ho cosa che non sia della S.ra M.a Margheritta. [2] Quello che ha elletto m. Gio. M.a non credo che sia troppo al proposito del Co. Marcantonio, il quale ha più bisogno de un cavallo che insegni a.llui, che non che impari da.llui, e li poletri sono tutti un poco matti. Pur mi piace il tutto.
[3] Se V. S. trova da vendere quello Reale, piaceràmi, e quell'altro da Sora, ch'io estimavo che dovesse esser in proposito per il Co. Marcantonio. Quell'altro Chiappino, non vorrei ch'el se vendesse, perché non è fatto, e se venderebbe pocho, et io spero ch'el serà bono, e questo inverno si farà; e così farà quell'altro Tempesta, ma bisogna esser ben cavalcato.
[4] Non mi scorderò mandare delli coralli ai nostri puttini, li quali Nostro S. Dio conservi. Se quelli altri cavalli se vendono V. S. se racordi farmi parte ancor a me de li denari, e me raco.di a m. Hercule e lo preghi ch'el mi perdoni s'io non gli scrivo.
A V. S. sempre mi raco.do.
In Roma, alli 2 de Agosto MDXXJ.
Di V. S.
Ob. Fi.
Bal. Castiglione ||

Alla molto Mag.ca M.a mia matre honor. M.a Aluysa Gonzaga da Castilione


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 351.