548. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga, Federico

Roma (RM), 20 aprile 1521

Ill.mo et Ex.mo S.ore et Patron mio. [1] Ho ricevuto la lettera di vostra ex. di XIIJ del presente insieme con li avisi che quella mi manda, li quali per ancor non ho mostrati a N. S.ore, perché Sua S.tità è fuori a Palo. Ma domani sarà alla Magliana, dove io lunedì andrò, et darò la lettera di vostra ex., vedendo de abbreviare la cosa più che mi serà possibile, et subito scriverò a quella difusamente el tutto.
[2] Ordinarò ancor che sia fatto uno fornimento da cavallo alla turchesca, delli più belli che se possino fare qui in Roma, et mandaròllo a vostra ex., secondo ch'ella mi commanda. Farò ancor intendere a N. S.re quanto quella mi commanda sopra le cose del cavaliero Capriana, dil che son certo che Sua S.tità resterà satisfattiss.a.
[3] Del cavallo turcho per Nostro S.ore se a Vostra Ex. accaderà haverne tra questi che li son venuti uno tale che sia al proposito credo che Sua S.tità lo haverà caro; quando ancor non vi sia, non importerà molto.
[4] Qui non se intendono nove, tanto meno per esser la corte absente. Pare che a Napoli siano occorse alcune novità, et capture de gentilhomini; ma perché son certo che li avisi del S.or Giohanthomasso a vostra ex., sono molto più certi et più minuti, che non ponno esser li mei circa questo, non mi extenderò altrimente, remettendomi a lui.
[5] Non heri l'altro morì el vescovo di Gigli, el quale se ha portato sotto terra uno extremo desiderio di esser car.le et credo, che chi lo havesse assigurato che gli havesse da esser posto el capello rosso sopra la sepoltura, la morte non gli sarebbe rincresciuta la mità.
Altro non mi occorre che dire a vostra ex. se non che basandoli le mani in buona gratia humilmente mi raccomando.
In Roma, alli XX di Aprile MDXXI.
De V. Ex.tia
Fidel Servitore
Bald. Castiglione ||

Allo Ill.mo et Ex.mo S.ore et Patron mio, il S.or marchese di Mantua etc.


Missiva non autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 865, cc. 104, 106.