539. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga, Federico

Roma (RM), 6 aprile 1521

Ill.mo et Ex.mo S.ore et patron mio. [1] Alle lettere di XXIX del passato di vostra ex. potrei respondere con la medesima stampa mia consueta, ciò è di dare speranza di presta espeditione. Et certo è che insino a qui, questo termine de "presto" è forza che sia falso, ancor che succedesse domani; pur spero che da qui inanti non serà falso, et che Vostra Ex., come per l'altre mie gli ho scritto in ogni modo sarà presto consolata. [2] Circa questo non mi extenderò altrimenti, perché per le prime mie ch'io scriverò, spero parlarli più chiaro. Quella stia con l'animo riposato et di bona voglia, che li prometto, ch'io non riposo punto né dì né notte, accioché lei possa ben riposare. [3] Ho data la littera sua a m. Hercule Fregoso, el quale se racc.da et basa le mani a v. ex. Io hebbi da lui a questi dì la sua lettera al S.or Iannes suo padre pur circa la cosa di m. Vesconte Costa et penso haverla mandata a vostra ex., ma me uscì de memoria el farne mentione nella lettera ch'io scrissi a quella.
[4] Io ho fatto cercare di quel m.ro che fa li fornimenti da cavallo alla turchesca, di che vostra ex. me scrive: trovo che in Roma ne sono molti che lavorano, al parer mio assai bene, però harei a caro, ch'ella mi facesse avisare de qualche contrasegno, per sapere quale è quel maestro, de chi l'ha così bona informatione, perché insino a qui io ne ho trovati dui o tre li quali al parer mio tutti lavorano d'un modo.
[5] Mons. R.mo San Georgio è migliorato assai, tanto che si spera che debba guarire. Il S.or Alberto medesimamente sta assai bene.
[6] Qui se aspetta per la venuta de' svizeri, che qualche gran movimento se discopra; pur io iudico quel medesimo che per l'altre mie ho scritto a Vostra Ex.tia, alla quale basando le mani in buona gratia mi raccomando. In Roma, alli VJ di Aprile MDXXJ.
Li avisi che quella mi manda et di Franza, et da Milano, et dalla corte dello Imperatore, sono sempre in proposito.
De avisi de Napole non scrivo cosa alcuna, sapendo che il S.or Giovanthomasso è diligentissimo.
Di V. Ex.tia
Devoto e Fidel Servo
Bald. Castiglione ||

Allo Ill.mo et Ex.mo S.ore et Patron mio, il S.or Marchese di Mantua etc.


Missiva non autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 865, cc. 93-94.