480. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Roma (RM), 5 gennaio 1521

Mag.ca M.a mia Matre honor. [1] Al‹la› lettera di V. S. de XXVIIJ del passato non dirò altro se non che io […] ‹san›o, Dio gratia, e piacemi che lei sia medesimamente sana, e li ‹nostri putti›ni, e comprhendo per la sua lettera che a Mantua siano stat‹e molt›e nebbie, cosa che non sono state a Roma, che quattro ‹dì› sono si pò dire che sia la estate, né è racordo di homo vivo, che ma‹i› […] fossero così longamente così belli tempi, che non pare se non […] quaresima: talmente ch'el PP. passato dimane vol andar fora.
[2] Piacemi quanto V. S. mi scrive circa la despensatione di quelli denari, et ho ancor hauti quelli conti da Christoforo.
[3] Non replico a quella ciò che mi paia, lassando a.llei tu‹tto› il caricho. Piacemi che V. S. mandati che la mi harà li mei 50 attenda con M. Ugolotto, al quale mi sento molto obligato, e prego V. S. che me gli raco.di.
Et io a.llei quanto posso, et a tutti li altri nostri mi raco.do sempre.
In Roma, alli V de Genaro MDXXJ.
‹De› V. S.
Ob. Fi.
B. Casti. ||

‹Alla molto Mag.ca› M.a mia matre honor. ‹Mad.a Aluis›a Gonz.a da Casti‹glione›. In Mantua


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 294.