458. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga, Federico

Roma (RM), 30 novembre 1520

Ill.mo et Ex.mo S.re et Patrone mio. [1] Son certo che V. Ex. stia in continua expettatione e desiderio di sapere la conclusione del negotio, et non senza fastidio. Il che me anchor tiene su la croce, ma non se può più di quello che se può. N.ro S.re invitato da questi belli tempi, è anchor alla Magliana: pur dimani è forza che venghi a Roma, perché dominica è messa papale. [2] Subito che S. S.tità sia qui, io più che potrò stringerò la cosa per vederne el fine, che stando così, sento tanto travagli‹o› et affanno, quanto non potrei né scrivere né dire. Harei pur voluto dare aviso a V. Ex. qualche cosa sopra di q.to, ma N. S.re me ne ha posto silentio insino a Roma.
[3] Non sono mancato de lassarme vedere qualche volta alla Magliana e fare motto a Mons.re R.mo de' Medici el quale mi mostra essere benissimo disposto: pure del tutto spero che presto vederemo el fine.
[4] Quello che habbia nel primo rasonamento fatto mons. di San. Marseo con N. S.re per anchor non ho potuto sapere. Il S.r Alberto, è lui anchor alla Magliana et è stato longamente in gran secreto con S. S.tità. Dippoi li sono venuti alch.i dolori, che lo fanno stare in letto. Non so ciò che serà.
[5] Qui non è nova alchuna excetto che lo Imp.re ha dato per moglie, a l'Infante suo fratello, la sorella del Re de Ongharia, quale dicesi che è bellissima, et hallo fatto S.re de l'Archiducato di Austria, et il Re de Ongharia, ha preso per moglie la sorella dello Imp.re, el quale sta per andare verso Gormatia per espedire la dieta che se ha da fare a mezzo Genaro. [6] Dippoi dicesi che venirà in Italia tanto più, perché pare che le cose di Spagna siano indrizate a camino, che facilmente potrebbeno rasettarse.
[7] Mons.re R.mo Cibò aspectarà le iumente che Vostra Ex. li ha donate insino a questo bon tempo per haverle pregne.
Altro non mi occorre, se non che a Vostra Ex. baso le mani et in sua bona gratia me rac.do.
In Roma, alli XXX di novembre MDXX.
De V. Ex.
Fidel Servitor
Bald. Castiglione ||

Allo Ill.mo et Ex.mo S.re et Patrone mio el S.r Marchese di Mantoa etc.


Missiva non autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 864, cc. 418-419.