427. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Roma (RM), 30 luglio 1520

Mag.ca M.a mia Matre honor. [1] Hebbi una di V. S. d‹a› Gasparro del S.r Ferrante insieme con li denari, quali vennero a tempo, e ne ringratio V. S. Intesi anchor tutto el resto che la mi scrisse, e per quella, e per l'altra, portata da quel Gobbo del S.r Loyso.
[2] Non mi occorre dire altro, se non che questa è hora strasordinaria, e però io scriverò poco; ma scrivo per q.to messo, el quale si parte in questo punto, e non ho tempo de dire altro, se non che io sono (Dio gratia) sano, ma ammalato el cancelliero Alphonso e Marchiò. [3] Paris comincia a star bene. Dio me aiutti, come spero che farà. A V. S. mi raco.do et a tutti li nostri di casa, con desiderio d'haverne spesso nove.
Et a quella mi raco.do.
In Roma, al penult.o de luglio MDXX.
Di V. S.
Ob. Fi.
B. Castiglione ||

Alla Mag.ca m.a mia Matre honor. M.a Aluysa Gonzaga ‹da Cas›tiglione. In Mantua


Missiva autografa. New York (Stati Uniti), Pierpont Morgan Library, Literary and Historical Manuscripts [??].