386. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga, Federico

Roma (RM), 12 settembre 1519

Ill.mo et Ex.mo S.re e Patron mio. [1] Heri a notte, che fu alli XJ del presente, hebbi una di V. Ex.tia, ove la mi comanda che subito li mandi bona quantità di pezzola rossa. Ho fatto ogni diligentia, e trovato questa, ge la mando per la via de le poste e scrivo al Bugatto che la mandi subito. [2] Non so se la serà a bastanza, perché V. Ex.tia non mi scrive la quantità, ma a me pare che.lla farebbe quasi un lenzoletto. Del esser bona, non lo so, ma quello m.ro che me l'ha data, mi ha giurato che.lla è bonissima, et io ne ho fatto porre un poco sul volto ad un mulatero che è qui meco, et è un poco pallidetto: parmi che sia tornato assai bello. Se V. Ex.tia serà satisfatta, mi serà somma gratia.
[3] E per non dir più burle, aviso V. Ex.tia come qui è gionto un frate del Conte Pedro Navarro, el quale dice haver lassato el prefato Conte Pedro a Porto Venere con XXIJ galeae, et è venuto al papa a vedere ciò che S. S.tà vole ch'el faccia: et è venuto in quattro o cinque dì su un bergantino. [4] El papa gli ha risposto ch'el venga con questi legni qui a Civita Vecchia, e la persona sua se trasferischa qui a Roma da S. S.tà a parlargli. Pare a molti che questo sia cosa de qualche importantia. Spagnoli se ne risentono, e pare che non stiano senza sospetto. [5] Su questa armata dìcessi che sono tre milia fanti: le galeae che se partirno da Napoli, sono a Evize, e pare che aspettano el resto de la armata per passare in Affrica, ma si crede che non si moveranno. [6] El papa dice aspettare la risposta di questo spagnolo preso, o rubato, et hauta, subito si parte: e pare che non possi tardare più di questa settimana.
Altro non mi occorre, se non che baso le mani di V. Ex.tia, et in bona gratia mi raco.do.
In Roma, alli XIJ de VIJ.bre MDXIX.
Io mi dispero, perché non trovo mula bella.
De V. Ex.tia
Fidel Servitor
B. Castiglione
||

Allo Ill.mo et Ex.mo S.re e Patron mio il Sig.r Marchese di Mantua etc.


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Archivio Gonzaga, busta 864, c. 85.