302. Castiglione, Baldassarre a Cusatro, Ercole

Fossombrone (PU), 13 ottobre 1515

Christoforo. [1] Alla hauta di questa aviative ad Urbino, voi e Christoforo dalla stalla con tutti quelli cavalli: ciò è il liardo, el morello, el poletro, e quelli dui roncini, e le due testere, e la mia lanza, e 'l pettoral de le barde su un mulo. [2] E se volete far portar un letto fornito, perché forsi non ne havete lassato niuno ad Urbino, son contento; ma non fate movere altra cosa alchuna. E non sia fallo. [3] Racomandatime a M. Ama., e M. Hercule; e diteli che attendino ben de casa. Non altro.
In Fossombrone, alli XIIJ de 8.bre MDXV.
Baldesar Castilione
||

‹A Christo›foro Tiraboscho, Mastro di casa de M. Baldesar Castilione


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio di Stato, Manoscritti e Pergamene, Serie II, busta 218, fasc. I, c. 6.