294. Castiglione, Baldassarre a Tirabosco, Cristoforo

Fossombrone (PU), 16 novembre 1514

Christoforo. [1] Ordinate che Martino venga Dominica con tutti tre li muli, perché credo che le D.sse partiranno lunedì per Pesero: el medemo fareti voi. Se la S.ra M.a Emilia vorà un mulo per le ceste, datelo: e vedeti de accomodare che la nostra massara venga lei anchora, e provedeti per un roncino per Marco Antonio. [2] E scrivendo de li muli, scriveti anchor del roncino Mozzeorechie per voi. Fati portare quelli dui forceri che si sono ordinati, e quelli panni di razzo, e quelli sparaveri, e lenzoli. E benché io dicessi non volere el mio letto, ciò è li dui mattarazzi, fatteli mettere in quello vallisone, e portateli, s'el si pò.
[3] Vedeti de havere quella quitanza da M. Alex.o e quello contratto che restò in man de Bindo, e quella lettera de ser Gabriello a M. Iohan Sauli, e mandatimeli per persona fidata; e non vi occorrendo messo, portatele voi a Pesero.
Bisognando qualche cosa a Bindo per comprar scarpe, e qualche altra cosetta, lassategli qualche modo.
In Fossombrone, a dì XVJ de VIIIJ.bre MDXIIIJ.
Se non haveti scritto a M.a mia matre di quel Giudeo e di quello de Zarlo, scrivetili.
B. Castilione ||

‹Al m›io Car.mo Christoforo Tirabosco, M.ro di casa de M. B. Castilione


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio Privato Castiglioni, Manoscritti e Pergamene, Serie I, II 3 c, [c.?] .