289. Castiglione, Baldassarre a Tirabosco, Cristoforo

Gubbio (PG), 5 ottobre 1514

Christoforo. [1] Ho visto quanto me scriveti: me piace assai che siati tornato sano e che M.a mia Matre, e tutti li nostri stiano bene. De le cavalle: io ho ordinato a Bindo, che intenda dove se trovano quelle del S.r D.ca, perché farò che le nostre gli seranno condotte: avisatemelo subito. El cavallaro creddo bisognerà star lì, fin ch'io ho questa resposta, per condurgele.
[2] Voglio anchor che subito mandiati per la cavalla, e per la mula a Nuvillara, e le faciati venire ad Urbino perché voglio tenere qui solamente quelle due bestie: et ho ordinato a Bindo che li faccia fare una sella per uno secundo la mia fantasia, e vedereti che le siano bene attese lì. [3] Voglio che me mandati qui subito un mulo con un par de forceri, de li quali ho fatto dar le chiavi a Bindo, et holli ordinato el tutto. Siati voi con esso a tramutar quelle robbe che li sono dentro: e poi mandatemeli dentro el bacile, e 'l bronzo d'argento, la tazza e quello pezzo di raso negro, che è per un giuppone, e guarnello, e tela per fodrarlo, e quelle mie calce bianche nove che li sono.
[4] E mandatemi, quelli tre volumi grandi de Cicerone, coperti di rosso, et un altro volume, pur de Cicerone, spartito da quelli, che è intitulato De oratore, et è comentato, e postilato in molti lochi de mia mano, et un altro libro del Pontano, in prosa, De bello neapolitano. Questi libri tutti, se non li conosceti, fateveli mostrare a Marchantonio; diteli ch'io manderò presto per lui, e che fra tanto me scriva spesso, e che se sforci de scriver bene. [5] Mandatemi anchor in quello forcero, quello pezz‹o› di panno negro, che vi parerà più fino e maggiore. Come ho detto a Bindo, circa la cosa de la cathena, voglio ognimodo che noi la leviamo via; ma voglio mo' che paghiamo mancho usura che si pò: però quando vorete andar per essa, avisatime, ch'io, farò scrivere al S.r Constantino.
Altro per hora non occorre. State sano, e mandatime de li salami. Non altro.
In Eugubio, a dì 5 de 8.bre MDXIIIJ.
B. Castilione

‹Al mio› Char.mo Christoforo Tiraboscho


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio Privato Castiglioni, Manoscritti e Pergamene, Serie I, II 3 c, c. 17? .