278. Castiglione, Baldassarre a Tirabosco, Cristoforo

Roma (RM), 7 giugno 1514

Christoforo. [1] Ho recevuto la vostra, dove me avisati de la provisio‹ne› che haveti fatta cercha la cosa de la mia cathena, dil che vi laudo. E così spero in Dio che non passerà quello tempo, che se pigliarà partito ognim‹odo› che serà bono.
[2] Vorei che me avisasti, se haveti hauto una mia, ne la quale ve scrivevo, come quella sup.ne de li homini de Novillara era persa.
Le qui alligate fatele havere subito recapito. Non altro, et avisatime come stanno li cavalli. Io harò char.mo che M. Pelegrino cavalchi qualche volta el liardo.
In Roma, a dì 7 de Giugno MDXII‹IJ›.
B. Castilione
||

Al mio Char.mo Christoforo Tiraboscho, servitor de M. Baldesar da Castilione


Missiva autografa. Mantova (MN), Archivio Privato Castiglioni, Manoscritti e Pergamene, Serie I, II 3 c, c. 7 .