97. Castiglione, Baldassarre a Gonzaga Castiglione, Aloisia

Urbino (PU), 16 luglio 1507

Mag.ca ac generosa Domina et Mater honor. [1] Non ho p.a scritto a la M.V. per carestia de messi, che rare volte accadono de qui a Mantua. H‹o›ra me è parso avisarla come, per la Dio gratia, io son gionto qui sano e salvo: el medemo ho trovato del S.r Duca e madamma, e tutta la casa.
[2] Per questo messo non mando alcuni denari ch'io ho recevuti, perché no 'l conoscho. Presto li manderò ogni modo: non potendo altramente, mandaròlli per messo a posta. So certo che la M.V. non mancha al possibile de proveder a qualche via de quello che ragionassimo insieme e per el Valente, e per monsig.r mio di Ferrara, benché ragionando cum Sua S. R.ma ho fatto la scusa mia de la tardità, la quale è stata accettata de bon animo. [3] Quanto più Sua S. R.ma mi usa humanità, tanto più parmi esser obligato a satisfargli. Mando el cunto al Valente de la spesa ch'è sopra li suoi denari, aciò che la M.V. possi vedere quanto el resta.
[4] Perché nui non havimo un grano de biava da cavalli, che in questo paese non ne è nato niente, el S.r Duca pensa de mandare in ferrarese a torne, e caricharne una nave. Io ho pensato ch'el serà bono che anch'io mi proveggia de di là: ma bisognaria ch'el Ill.mo S.r Marchese ne facesse la tratta da condurla fin a Ferrara, che de lì poi la conducessimo a nome del duca. [5] Quando questo non si potesse ottenere, seria bono pratichare de qualche amico, come seria Masetto, che ce la desse a Ferrara e lui se la pigliasse a Mantua. Pur de questo, ne darò aviso più particulare a V. M.
[6] Questo cunto del Valente V. M. potrà darcelo, quando la li darà qualche denari. Se la M.V. me scrive qualche lettera de quelle pratiche de che havimo ragionato, la prego mandarle fidatamente in man propria, o a me, o a M. Cesari, che qui se apreno molto le lettere.
A la M.V. sempre di core mi racomando.
Urbini, 16 Iulij MDVIJ.
Obe. Fi.
Bal. Casti. ||

Mag.ce ac generosae dominae Aluisiae de Castiliono, Matri suae honor. Mantue


Missiva autografa. Città del Vaticano (Stato della Città del Vaticano), Biblioteca Apostolica Vaticana, Vat. Lat. 8210, c. 89.